La libreria chiuderà dal 3 al 22 agosto saranno evasi tutti gli ordini arrivati entro il 3 agosto. Le spedizioni riprenderanno regolarmente dal 24 agosto

Libreria della Natura

HOME CHI SIAMO DOVE SIAMO CARRELLO CONDIZIONI DI VENDITA LINKS APPS LOGIN

Altre viste

AUGUSTA PALATINA

REGINA TRA LE ROSE DEGLI HORTI FARNESIANI

di FORTINI P. DE VICO FALLANI M. STRANO G. GALLO L.
editore: ELECTA (2019)
codice ISBN: 9788891825650
Mandalo via email ad un amico
25,00 €
Add Items to Cart

Un libro per gli amanti delle rose e della storia dei giardini Una nuova specie di rosa, l’Augusta Palatina, che racchiude il patrimonio genetico di alcune delle più antiche rose pervenute fino a noi e incarna l’immagine della rosa di cui parlano le fonti antiche, è stata scelta per celebrare il roseto del Parco archeologico del Colosseo. Torna a risplendere così il roseto del Palatino, realizzato agli inizi del secolo scorso da Giacomo Boni, architetto-archeologo veneziano, convinto sostenitore di un attento impiego del verde nelle aree archeologiche, importante per riproporre l’antica armonia tra monumenti e paesaggio. A lui si deve l’impianto del roseto, con l’intento di far rivivere lo spirito dei giardini imperiali e dei rinascimentali Horti Farnesiani che, in fasi successive, avevano abbellito la sommità dell’antico colle. Il testo di Patrizia Fortini, splendidamente illustrato da foto d’epoca, racconta l’approccio estremamente moderno di Boni nell’utilizzo degli organi di stampa, dei giornali e dei mezzi di comunicazione ad inizio del XX secolo, Massimo de Vico Fallani scrive di Boni riformatore dei giardini di Roma e Luigi Gallo fa un excursus, corredato da molte e belle riproduzioni, sulla rappresentazione della rosa nell’arte moderna e contemporanea. Gabriella Strano, infine, architetto paesaggista del Parco archeologico del Colosseo, descrive il rinnovato roseto del Palatino e le sue rose. Massimo de Vico Fallani già direttore del Servizio per la Conservazione dei Parchi e Giardini a Firenze e Pistoia e poi Roma e di Ostia. Fa parte del Comitato Nazionale per lo Studio e la Conservazione dei giardini storici, è docente di Tutela paesaggistica ambientale e autore di innumerevoli testi di carattere scientifico e divulgativo sui temi dell’arte e dell’archeologia.